Archive for the ‘Interviews’ Category

Cristina Ruffoni, Il confine incandescente tra visibile ed invisibile. Intervista ad Andrea Zucchi

31 marzo 2014

Nell’ambito della fatale, sotterranea attrazione e ormai accettato ritorno della pittura, le strade percorse sono state principalmente due: quella del recupero e utilizzo di immagini digitali o fotografiche, riproposte in chiave pittorica e quella del disfacimento della forma, espressa in chiave astratta e informale. Indipendentemente dalla consapevolezza generale o dalla libertà individuale, l’anarchia istituzionalizzata e […]

Read More

Imballaggi & Dilemmi… – Un’intervista di Silvia Fabbri ad Andrea Zucchi

4 agosto 2013

2013 Silvia Fabbri, Imballaggi & Dilemmi. Intervista ad Andrea Zucchi, catalogo della mostra / exhibition catalogue, Skira Editore, Fondazione Stelline, Milano. Silvia Fabbri: In questo nuovo ciclo di opere dal titolo significativo “Doppio gioco” appare evidente un forte scarto con il tuo lavoro precedente: l’emergere sulle tue tele di un cromatismo accentuato, virato su colori […]

Read More

Packaging & Dilemmas – Interview with Andrea Zucchi by Silvia Fabbri

4 agosto 2013

Silvia Fabbri.In this new cycle of works significantly entitled Doppio gioco (Double-crossing) there’s an evident deviation from your previous work:emerging on your canvases with strongly emphasised colours, a swirling of fluorescent, almost pop colours, and the unexpected appearance of 3D works, with abstract shapes, created using packaging from electronic appliances, hence the name Imballaggi (Packaging).Are […]

Read More

Marco Senaldi, Labirinto di specchi. Una conversazione fra Andrea Zucchi e Marco Senaldi, catalogo della mostra / Antiquum Oratorium Passionis, Basilica di Sant’Ambrogio, Milano.

4 agosto 2012

Marco Senaldi: Da dove nascono questi disegni? Andrea Zucchi: Si tratta di rielaborazioni che vanno dal linguaggio fotografico al linguaggio del disegno a biro. Anche se l’effetto, se si potessero confrontare i due originali, è piuttosto diverso, il confine è delicato e sottile. MS: Nell’arte contemporanea questo riutilizzo di immagini preesistenti è stato spesso sfruttato… […]

Read More

Andrea Zucchi, l’eccentrica sontuosità della pittura – Intervista di Chiara Canali

19 marzo 2008

Questo nuovo ciclo di opere fin dal titolo “Spaesamenti” sembrerebbe ricollegarsi alla poetica della metafisica nell’utilizzo di un procedimento che accosta realtà inconsuete e inconciliabili tra loro all’interno di una dimensione naturalista. Credi possa sussistere nella tua ricerca un debito nei confronti dell’esperienza metafisica e dove invece se ne allontana? Da molti anni non guardo […]

Read More

Andrea Zucchi, the eccentric sumptuousness of painting – Interview by Chiara Canali

19 marzo 2008

Right from the title “Spaesamenti” [Being out of place], this new cycle of works seems to reconnect with the poetry of the metaphysical in the use of a process that matches realities that are unusual and irreconcilable with one another within a naturalist dimension. Do you believe that your study may have a debt to […]

Read More

Cristina Ruffoni, La violenza della bellezza. / non pubblicato

4 agosto 2005

Andrea Zucchi è nato nel 1964 a Milano, dove vive e lavora. Come l’artista F. Marc (1880-1916) arriva alla pittura dopo i trent’anni, con la stessa passione ed interesse per il misticismo, gli studi filosofici e le culture orientali. Entrambi hanno in comune anche la passione per gli animali, non per studiarne il carattere ma […]

Read More

Ivan Quaroni, Intervista ad Andrea Zucchi… Quasi un Autodafé, catalogo della mostra / exhibition catalogue, Obraz, Milano.

4 agosto 2004

Una molteplicità di elementi visivi popola le tele di Andrea Zucchi, artista milanese (classe 1964) incline a dar vita a sorprendenti accostamenti e stranianti giustapposizioni iconografiche. Nei suoi quadri, Natura e Civiltà tecnologica si passano il testimone, citazioni colte e piacere per la mimesi si mescolano, generando suggestioni inedite. Autore di una ricerca figurativa di […]

Read More

Analysis in two voices Interview with Andrea Zucchi… almost an Autodafé

4 agosto 2004

A plethora of visible elements inhabit the canvases of Andrea Zucchi, Milanese artist (born 1964), inclined to give life to surprising combinations and estranging iconographic juxtapositions. In his paintings, Nature and Technological Civilization bear each other witness, cultured citations and the pleasure of mimesis mix, generating unprecedented suggestions. Author of a figurative research of distant […]

Read More